A+ A A-

Come funziona il trattamento dell’acqua in piscina?

 Nell'acqua della piscina ogni giorno finiscono microrganismi inquinanti e sporcizia, foglie secche, batteri, piccoli insetti, spore e polvere che intaccano il delicato equilibrio dell'acqua e causano la comparsa di macchie, incrostazioni e la proliferazione di alghe.

Per fortuna, un’efficace trattamento sterilizzante, unito all'azione dei filtri, elimina la maggior parte delle impurità che finiscono nella struttura e mantiene un corretto livello di igiene.

Ecco i passaggi fondamentali per controllare e disinfettare l'acqua della piscina:

Misurazione e controllo del pH

Il pH è il parametro che indica il grado di acidità o basicità dell'acqua, si misura su una scala che va da 0 a 14, dove 7 indica un pH neutro. Se i valori sono minori di 7 la soluzione è acida, se invece sono maggiori, allora vuol dire che si tratta di una soluzione basica. Il pH in una piscina dovrebbe aggirarsi intorno a 7, 2 e 7,4, se è più basso i chimici sono meno efficaci, l’acqua può irritare le mucose e arrivare persino a corrodere i metalli. Allo stesso modo se è più alto, l'acqua tende a intorbidirsi e compaiono antiestetiche macchie.

Per regolare il pH, devi usare l'apposito prodotto, il correttore di acidità/basicità. A seconda che il parametro debba essere abbassato o alzato, il chimico da utilizzare cambia. Si usa indicare con la scritta:“pH Plus”,o “pH Più” la sostanza che serve per alzare il pH, e con la scritta  ''pH Meno''o pH Minor'' quella per abbassarlo. 

La disinfezione con il cloro

Quando il pH è stato regolato, i prodotti disinfettanti sono più efficaci e svolgono meglio il loro lavoro. Esistono diversi chimici in commercio per sterilizzare la struttura l'ossigeno attivo, il bromo, ma il più diffuso ed efficace è il cloro.

A seconda della capacità della piscina e della tipologia di disinfettante scelto le quantità e le modalità di somministrazione variano. È sempre importante leggere attentamente le indicazioni riportate sulla confezione per non sbagliare e, in caso di ulteriori dubbi, meglio rivolgersi direttamente al proprio fornitore di fiducia.

Nel utilizzare i chimici ti consigliamo di acquistare dei prodotti di qualità, da un rivenditore serio. Grazie alla sua esperienza saprà indicarti quello migliore per le tue esigenze e spiegarti come utilizzarlo.

L'alghicida e il flocculante

In alcuni casi il disinfettante può non bastare e, allora, bisogna affiancare dei prodotti coadiuvanti che aiutano a purificare l'acqua.

  • L'alghicida elimina le sostanze organiche – spore, batteri..- e blocca la proliferazione delle alghe,
  • Il flocculante rende l’acqua limpida e cristallina, “raggrumando” le particelle molto piccole – di oli abbronzanti, creme solari..- che i filtri altrimenti non tratterrebbero. 
  • Lo sventante ha un forte potere alghicida e sequestrante e quando chiudi la piscina, aiuta a salvaguardare lo stato dell'acqua nei mesi più freddi.

Grazie ai prodotti chimici e a un buon impianto di filtrazione la struttura sarà sempre pulita e disinfettata. Ricordati che la sterilizzazione dell'acqua è fondamentale per garantire una corretta igiene e una balneazione sicura. Se hai dei dubbi, rivolgiti sempre a un esperto, la salute e il benessere della tua famiglia contano più di ogni altra cosa.

Torna in alto

Vuoi essere sempre aggiornato sulle news e sugli eventi del mondo piscine? Iscriviti alla Newsletter.